Una Guida ai Telefilm – Le Nuove Serie 2014/2015

Mi rendo conto di essere in ritardo. Quando questo post andrà online alcune serie saranno già partite, ma penso che un recap, anche a stagione iniziata, sia comunque utile. Cosa ci aspetta quest’anno? Secondo me ci sono alcune novità interessanti e su alcune delle quali, mi riferisco in particolar modo a Gotham, ci sono grosse aspettative.
Ci sono cose interessanti anche nella mid-season, ma lì è sempre un azzardo e infatti cerco di essere molto selettiva in questo caso: le serie televisive che partono in primavera difficilmente hanno vita lunga.
Visto che siamo già in ritardo direi che possiamo tagliare i convenevoli e passare direttamente all’azione.

Red Band Society

Red Band Society Serie televisiva americana 2014

Red Band Society

Trama: Qualche tempo fa è andata in onda in Italia la mini-serie “Braccialetti rossi” che era basata sulla serie spagnola “Polseres vermelles” che a sua volta era stata tratta dal libro autobiografico dello scrittore Albert Espinosa. “Red band society” è la versione americana della serie spagnola originale. I braccialetti rossi sono i braccialetti ospedalieri del reparto di pediatria. La versione americana di “Polseres Vermelles” viene descritta come un dramedy.
Aspettative: E’ una serie che potrebbe essere interessante se ben sviluppata. La versione italiana ha avuto moltissimo successo.
Dal 17 Settembre su Fox
Promo

Read more

I migliori telefilm in onda [2014]

Se le sitcom non sono messe molto bene, lo stesso non si può dire delle serie televisive. C’è moltissima scelta tra televisione generalista, canali via cavo e Netflix.
Vi devo dire che io continuo a preferire i prodotti della televisione generalista che secondo me è troppo bistrattata: c’è pieno di roba di qualità se si sa cosa cercare. E poi ci sono tante serie che magari non hanno la qualità di Breaking Bad, ma sono comunque godibili. In ogni caso anche quest’anno… ecco quali sono secondo me i migliori

New Entry

Sleepy Hollow

Sleepy Hollow

Trama in breve: Ichabon Crane arriva, grazie ad un sortilegio, nella Sleepy Hollow dei giorni nostri.
Commento: Non era facile a mio avviso riuscire a costruire un qualcosa di interessante sulla base di un reboot di Sleepy Hollow ma ci sono riusciti. E’ un buon telefilm che, come già detto, riesce ad amalgamare bene vari stili narrativi. Ci sono elementi comici, drammatici e horror.
Consigliata a: Se vi piaceva Buffy (con le giuste proporzioni) Sleepy Hollow potrebbe essere qualcosa di adatto a voi.
Voto: 2/5.

Read more

Le migliori SitCom in Onda [2014]

Benvenuto di nuovo, Settembre. Da amante dei telefilm quale sono, ti aspettavo con ansia. Dopo tre mesi d’attesa, finalmente ricominciano le serie televisive! Anche quest’anno, possiamo andarne orgogliosi, siamo sopravvissuti ai Cliffhanger!

Ricominciamo dunque e ricominciamo, come al solito, dalle sitcom. Purtroppo credo che il genere sitcom sia vagamente in crisi in questo periodo. Ci sono stati presentati molti concept validi negli anni, ma poi fanno fatica a trovare successo e non durano mai molto. Delle sitcom cominciate l’anno scorso se ne salvano pochissime e l’unica davvero degna di nota è Brooklyn Nine-Nine. Inoltre quest’anno alcune sitcom in lista sono finite o sono state fatte concludere, per cui quest’anno la lista delle sitcom sarà brevissima. In più Parks and Recreation e Cougar Town stanno per entrare nella loro ultima stagione. La vedo nera per il genere.
Può essere che il prossimo anno “Le migliori sitcom in onda” possa tramutarsi in “Le migliori comedy in onda”.

New Entry

Brooklyn Nine-Nine

brooklyn nine nine cast

Brooklyn Nine Nine

Trama in breve: La tranquilla vita dei detective della centrale di Brooklyn Nine-Nine sta per cambiare: c’è nuovo capitano in circolazione.
Commento: C’è un cast spettacolare guidato da Andy Samberg, che per la sua interpretazione del detective Jake Peralta si è portato a casa un Golden Globe, e da Andre Braugher, che avevo molto apprezzato in Last Resort e che come comico fa morire. C’è una buona trama di fondo. Ma soprattutto c’è una scrittura molto, molto buona. Ecco tre buoni motivi per cui dovreste recuperare Brooklyn Nine Nine se non l’avete ancora fatto
Consigliato a: gli amanti delle comedy alla Parks and Recreation e a The Office.
Voto: 3/5 (potrebbe anche essere più alto, ma voglio vedere prima la seconda stagione prima di gridare alla meraviglia)

Read more

3 Giorni senza Connessione: una storia di sopravvivenza

Sono rimasta meno di tre giorni senza connessione ad internet. Da martedì pomeriggio fino a giovedì sera tardi. E’ stato un incubo. Non sto scherzando. In questi giorni sono partita con un nuovo lavoro. Ogni nuovo lavoro richiede un periodo di tempo di adattamento. Specialmente questo che è piuttosto grosso. E la connessione decide di morire. Nel mentre, oltre il nuovo lavoro, ne sto seguendo altri quattro. E mi arriva la richiesta di un preventivo su un tipo di lavoro che non ho mai fatto. E giovedì mi arriva una richiesta urgente di un’analisi SEO. “Fottuto fattore S“, penso io. La frustrazione mi rende ostile. Arrivano due email. Sono email interessanti. Le ignoro totalmente. Cancello un pranzo. Cancello un appuntamento di lavoro. Cancello una visita ad una mostra che finisce il 7 settembre e che quindi non riuscirò a vedere.

stare tre giorni senza connessione wifi

Un incubo

Read more

I Telefilm del 2013 – Come è andata a finire?

serie tv 2013 cancellazioni e rinnovi

Le Serie 2013 tra rinnovi e cancellazione: com’è finita?

E’ sempre più difficile per la televisione generalista conquistare i telespettatori. Da quando ho iniziato questa rubrica, tre anni fa, i telefilm che hanno avuto successo e che si sono guadagnati il rinnovo sono davvero pochi. E’ un problema di mancanza di idee?
Be’ alcuni telefilm non sono un granché e si capisce da subito che sono destinati ad avere vita breve, ma il vero problema è che la televisione sta cambiando e che le televisioni generaliste fanno fatica ad adattarsi al cambiamento.
Le serie di Netflix (House of Cards, Orange is the New Black) come quelle trasmesse dai canali via cavo (Breaking Bad, Mad Men, Games of Thrones) hanno avuto un successo esagerato. Da una parte c’è un nuovo modo di vedere la televisione (il “binge watching” è un fenomeno recente) e da una parte la qualità che portano i protagonisti della televisione del futuro è davvero più alta.
In tutto questo poi volendo ci si può mettere Youtube che sta producendo cose davvero molto interessanti. Abbiamo iniziato con “Anyone but me” (tre stagioni, guest-star eccellenti, serie in vendita in dvd) e siamo arrivati a “The Lizzie Bennet Diaries”. E in mezzo ci sono tutti quegli Youtuber che non fanno web-series ma che comunque producono contenuti interessantissimi da vedere e che comunque insomma sono altri concorrenti.
Parlerei dell’evoluzione della televisione americana per ore, ma non è questo il modo e il momento, quindi… ricapitoliamo il destino delle serie televisive dell’anno scorso.

Sleepy Hollow
Com’è finita: L’idea di un telefilm su Sleepy Hollow non mi aveva entusiasmato troppo all’inizio (“uff, un altro reboot?”), ma poi il promo mi aveva incuriosito. Sleepy Hollow è stata una delle sorprese dell’anno scorso, gli ottimi ascolti gli hanno garantito senza troppi patemi una seconda stagione. Personalmente mi è piaciuto molto, ha saputo mescolare bene vari elementi narrativi e anche se ogni tanto cade in qualche strafalcione lo trovo un telefilm solido. I complimenti vanno fatti anche al cast

Brooklyn Nine-Nine
Com’è finita: Era la comedy che aspettavo con più ansia per tanti motivi e non mi ha deluso. Gli ascolti si sono mantenuti buoni ma non eccezionali, ma sia la serie sia Andy Samberg si sono portati a casa un Golden Globe, per cui il rinnovo era quasi scontato. L’atmosfera ricorda moltissimo quella di Parks and Recreation (le serie hanno diversi punti in comune) ed è per questo che mi piace tantissimo.
Menzione d’onore a Andre Braugher: semplicemente fantastico!

Read more

Lavorare da casa: pro e contro

Essendo una freelancer di Web Marketing collaboro con diverse realtà in diverse parti di Italia, per cui lavoro per la maggior parte da casa. L’ispirazione per questo post arriva da un’interessante discussione su r/italy, a cui ho anche preso parte, ho però pensato che l’argomento è interessante e valeva la pena tornarci in maniera più approfondita. Dicevamo quindi… ah sì, lavorare da casa!

Lavorare da Casa – I pro

1. Gli orari

Lavorando da casa non hai degli orari rigidi come in ufficio. Per me è un vantaggio, ma mi rendo conto che potrebbe essere diverso per altri. Personalmente sono sempre stata una di quelle persone che rende di più la sera, per cui con l’orario gestibile posso tranquillamente dormire più a lungo la mattina e recuperare nel dopo-cena.
C’è anche da dire che gli orari gestibili sono una prerogativa soprattutto dei freelancer. Chi lavora da casa per un’azienda/agenzia/società potrebbe essere comunque obbligato a mantenere gli orari “di ufficio”.

2. Risparmio di soldi

Lavorando da casa non mi devo spostare, quindi risparmio i soldi della benzina, di posteggi e di mezzi pubblici. Questo è evidente, ma spesso non si ci rende conto che c’è anche un altro tipo di risparmio. Lavorando da casa, non ho motivo di andare al bar, di passare dalla macchinetta del caffè e non devo pensare alla pausa pranzo.
Tanto per darvi un’idea… io bevo tanto Estathè e al supermercato il brick di Estathè costa circa 50 centesimi, anche meno se prendi il pacco risparmio, al bar invece costa esattamente il doppio (ma in alcuni bar può arrivare a costare il triplo).

3. La mia postazione è MIA.

La mia postazione lavoro

La mia postazione lavoro

Ho creato la mia postazione lavorativa esattamente come la volevo.
L’anno scorso, quando ho iniziato la mia attività di freelancer, ho investito un po’ di risparmi per rendere la mia postazione e i miei gingilli tecnologici più funzionali possibili.
Passo la gran parte del mio tempo seduta davanti al computer, quindi ho alzato la mia scrivania di circa 10 centimetri: era davvero bassa e non era una buona cosa per la mia schiena.
Ho comprato un nuovo computer e ho aggiunto un nuovo schermo per aumentare la mia produttività (e anche perché è strafigo). Ho anche un PC portatile che di solito uso per le presentazioni ai clienti, ma che a volte mi serve per fare prove.
E poi ho decorato tutto con un poster di Leslie Knope, una lava-lamp, un pupazetto della Sampdoria e altre amenità varie: anche questo aiuta.

Read more

Come i Social Mi Aiutano a Convivere con l’Ansia

Era il Febbraio del 2006. Avevo 19 anni e mezzo. All’inizio scambiai quelle prime avvisaglie per un virus, un qualcosa che mi ero presa a Londra e che non voleva lasciarmi. Quello che ancora non sapevo, a quel tempo, era che stavo manifestando le mie fasi iniziale del Disturbo d’Ansia Generalizzato, quello che alcuni di voi magari conosceranno come Anxiety Disorder.

Prima di potervi parlare di come i social mi hanno aiutato e continuano ad aiutarmi a convivere con l’ansia, ho bisogno di farvi capire alcune cose.

Sono Anxiety Girl! Sono una super-eroina!

Sono Anxiety Girl! Sono una super-eroina!

Non parlo molto di questa parte della mia vita, di questa parte di me che combatte una giornaliera battaglia contro l’ansia. Vedete l’ansia è una cosa normale, naturale, persino importante, in piccole dosi. La mia ansia è continua, è debilitante, è ciò che non mi fa vivere in maniera “normale”. E’ difficile parlare di queste cose per me per due motivi. Prima di tutto perché è qualcosa di estremamente intimo. In secondo luogo perché ansia, attacchi di panico, depressione sono cose viste negativamente, c’è uno stigma. Scrivere questo post è una scommessa con me stessa. Era qualcosa che volevo fare da molto, ma che fino ad adesso non avevo avuto il coraggio di fare.

Read more

« Older Entries