Una Guida ai Telefilm – Le basi

L’ispirazione viene da questo post: da brava maniaca dei telefilm ho risposto al post producendo un commento lungo e articolato, ma siccome sTen non è il primo che chiede consigli a proposito di telefilm da vedere, allora ho pensato di scrivere qualcosa io.
Quali sono le mie credenziali? Be’ MyEpisodes fa il conto di quanto tempo si spende davanti alla televisione (solo per i telefilm), il mio è di 6 mesi, 2 settimane,3 giorni, 12 ore e 15 minuti. Questo senza contare le “revisioni”. Per intenderci seguo circa 25 telefilm a settimana, questo oltre le serie estive come White Collar.
Quindi veniamo a noi. Essendo un’appassionata di telefilm uso un linguaggio specifico, quindi ho deciso di partire dalle basi, dall’abcd dei telefilm, in sostanza questo è una piccolo dizionario Telefilm-Linguaggio comune. Non sarà un post lungo, ma di certo indispensabile.

Telefilm e Sit-com

Le serie televisive si dividono in due grossi filoni: i telefilm e le sit-com. La differenza è, adesso come adesso, soprattutto nella durata. Le Sit-com (da Situation Comedy) durano circa 20/22 minuti, mentre i telefilm (o in inglese: TV-Show) sono lunghi fino a 42 minuti (alcune serie vie cavo, come Mad Men o Six Feet Under, arrivano fino a 55 minuti).
L’altra differenza è che la Sit-Com, cioè Situation Comedy, in sostanza è un serie televisiva che fa ridere e basta, che gioca sulle macchiette, mentre un telefilm può essere di differenti tipologie: ci sono i dramma famigliari, i procedurali (avvocati & poliziotti per intenderci), i medical drama (ambientati negli ospedali), etc etc.
Questo però non è più del tutto vero, perché le Sit-Com negli ultimi tempi hanno cercato qualcosa di  più, non è più solo una questione di far ridere e basta, le nuove sit-com riescono a farti ridere, ovviamente, ma riescono anche a commuoverti fino alle lacrime, ad affrontare argomenti che possono essere anche pesanti con leggerezza, ma che ti lasciano riflettere per giorni. Questo primo cambiamento è cominciato con Friends ed è continuo.

Il cast di Friends

Friends nel 1994: la sit-com che ha cambiato le regole

Serie o Stagione?

Indifferentemente dal tipo di categoria, sit-com o telefilm, le serie televisive durano circa 22/24 episodi a stagione. Con stagione si intende quel lasso di tempo tra Settembre e Maggio.
Le cose negli Stati Uniti sono differenti rispetto che qua in Italia. Negli Stati Uniti un telefilm comincia la messa in onda a settembre, viene trasmesso un episodio a settimana fino a maggio (con pause strategiche intorno a Natale, festa del Ringraziamento, SuperBowl e Pasqua). Questa è una stagione.
Una delle cose che spesso sento è la parola Stagione che viene confusa con Serie. Vi faccio un esempio

Persona A: “Ce l’hai la seconda serie di Lost?”
Persona B:”Purtroppo no, però ho sentito dire che la terza serie è una figata”

Perché questo dialogo è sbagliato? Per il semplice motivo che non esiste una seconda o terza serie di Lost. Serie è il tutto e il tutto viene poi diviso in stagioni. Per esempio: Lost è una serie televisiva che ha 6 stagioni.
Stagione e serie non sono intercambiabili. Sono due cose differenti. Questo errore è  tanto comune che viene riportato anche sui cofanetti DVD, ma è pur sempre un errore.
(Che per altro mi da ampiamente sui nervi).

Ci sono poi alcune serie che vengono chiamate “Mid-Season”, cioè sono serie di metà stagione e che durano 12/13 episodi invece che i canonici 22/24. A settembre infatti vengono proposti dei nuovi telefilm, ma non tutti questi nuovi telefilm arriveranno ad avere una stagione completa, spesso vengono cancellati dopo pochi episodi e quindi rimane uno spazio vuoto nella programmazione che viene riempito da serie che partono  “mid-season” cioè a metà stagione. Anche in questo caso si tratta di nuovi telefilm o di telefilm che per qualche motivo hanno bisogno di iniziare dopo (per esempio per la gravidanza di una protagonista, come è successo  a Parks and Recreation l’anno scorso e quest’anno toccherà a 30Rock).

Chi non fa parte di questo sistema sono le serie televisive via-cavo, come Mad Men, Boardwalk Empire etc etc, perché le televisioni via cavo solitamente danno prodotti migliori, ma più corti, si tratta di circa 12/13 episodi contro i 22/24 delle serie televisive in chiaro, e quindi vanno in onda un po’ a caso. Mad Men per esempio è previsto per una data imprecisata del 2012.

Sottotitoli

I telefilm guardati in originale sono meglio. Le traduzioni in Italia sono fatte male, malissimo (vedere Buffy, the vampire Slayer, che come ci fanno notare gli amici di BuffyManiac è stato massacrato). I doppiatori italiani sono bravi, ma spesso sono scelti male per il loro ruolo. Inoltre la nuova leva di doppiatori non è brava come la precedente (probabilmente perché non si sono “fatti le ossa” sui cartoni animati).
Il vero problema è che non tutti capiscono l’Inglese così bene da riuscire a seguire un telefilm in lingua originale: inoltre gli accenti possono creare problemi. In Italia siamo fortunati perché abbiamo ben due siti di sottotitoli: Subsfactory e Italian Subs Addicted.
Tra i due io preferisco il primo. Subsfactory non richiede l’iscrizione obbligatoria al sito per poter scaricare sottotitoli e per di più sono i “subbers” ufficiali di Telefilm Festival (manifestazione annuale organizzata da Telefilm Magazine in cui vengono presentate le novità telefilm in anteprima tra le varie cose)

Usare i sottotitoli è facilissimo:

    • Scaricate BSPlayer, programma gratuito per la lettura di file video.
    • Scaricate i sottotitoli che sono solitamente zippati
    • Estraete i sottotitoli dai file zippati
    • Aprite il video che vi interessa con BSPlayer

Cliccate con il tasto destro del mouse sul video di BSPlayer e vi verrà fuori un menù, scegliete “Load Subtitles” e il gioco è fatto 🙂

I sottotitoli con BSPlayer

Facile, no?

Parte “Social”

Seguire in diretta i telefilm significa tenere a mente la data di messa in onda di ogni episodio. Inoltre capita a volte che il telefilm salti una settimana o due di programmazione (soprattutto intorno alle festività americane), quindi in questo caso il MyEpisodes di cui ho parlato ad inizio ci viene in aiuto. MyEpisodes infatti non è altro che una tabella della messa in onda. Ogni giorno sulla sua pagina principale indica i “Today’s Shows”, mentre sul menù “Episode List” vengono indicati gli show che abbiamo aggiunto e che stiamo guardando che durante il giorno della messa in onda vengono evidenziati in giallo (e poi in blu dal giorno dopo, significa che quello show ormai è già andato in onda).
MyEpisodes non è esattamente un sito social, ma aiuta a tenere a mente ciò che stiamo guardando e ciò che abbiamo guardato in passato. Inoltre ci dice con esattezza quando tempo abbiamo sprecato davanti alla tv 😛

Però i social network di telefilm esistono e ce ne sono almeno tre: Miso, Tunerfish e GetGlue. Come in ogni social network che si rispetti ci sono persone che ci seguono e che seguiamo, possiamo scrivere commenti che possiamo condividere su Twitter e Facebook e si può fare il “Check-In” nei vari telefilm e possiamo ricevere dei badge in cambio. In sostanza  funzionano come 4square, però invece di fare il check-in nei luoghi fisici lo facciamo in film e telefilm.

Varie ed Eventuali

  • Le nuove serie televisive che andranno in onda a Settembre vengono presentate agli UpFronts a Maggio. Gli UpFronts sono eventi organizzati dai canali televisivi a cui prendono parte attori e scrittori e che per questo richiamano moltissimi fans. In sostanza durante gli UpFronts vengono comunicati quali saranno i nuovi telefilm che andranno in onda a partire da Settembre, quali sono i telefilm rinnovati e infine quali sono i telefilm cancellati.
  • A fine stagione, cioè a Maggio, sentirete moltissimi fans lamentarsi dei “Cliffhangers“. La traduzione è “Appeso alla roccia” e sostanzialmente è un modo sadico degli scrittori dei telefilm per assicurarsi che i fans si sintonizzino con il telefilm anche nella prossima stagione. Di solito si tratta di finali che ti lasciano a fiato sospeso e che per sapere come andrà a finire devi aspettare fino a Settembre (e passi l’estate maledicendo tutti).
  • Dicesi “Hiatus” invece la pausa del telefilm. Di solito ci sono tre pause durante la stagione di un telefilm: intorno alla festa del ringraziamento (novembre), a Natale e in primavera più la pausa estiva.
  • Il primo episodio di ogni telefilm è chiamato “Pilot”, cioè episodio pilota.

Sono convinta di essermi dimenticata qualcosa, ma direi che per iniziare è abbastanza. Nel prossimo episodio (sono così tanto ossessionata dai telefilm che ormai faccio anche i post dei blog a puntate) invece andrò ad analizzare i migliori telefilm che stanno andando in onda al momento. Restate in ascolto 😉

Acrossnowhere

About Elisa Acrossnowhere

Sono nata nel 1986 e sono connessa ad internet dal 1999. Lavoro con il Web ma non è una semplice occupazione, è una vera e propria vocazione. Mi definisco una Factotum del Web-Marketing, in particolare mi occupo di SEO e Community Management. Ero una nerd prima che fosse una cosa cool, porto gli occhiali perché sono miope e nel tempo libero mi piace leggere e scrivere.

  • Gran bell’articolo! Che pazienza…!
    Concordo sul “dilemma” stagione/serie… è una cosa che urta anche me, se mi confondo per sbaglio, devo subito correggermi… è proprio una *finezza* da nerd LOL
    Invece di bs player, uso VLC o Quick time player per ovvi motivi legati alla mela 😛 concordo soprattutto su Subsfactory eheh grazie mille! 😉

    • Io ho iniziato con i telefilm guardando Buffy e scrivendo sul forum di Buffymaniac, anche lì sono fiscali 😛
      Ho VLC anche io, ma non so come funzionano i subs lì O_O E comunque non vantiamocene, di avere la mela insomma che io soffro! :p

  • Stef

    eli al discorso sulla nuova generazione di comedy serie (abbandonando il termine sit com) dedicai un capitolo della mia tesi 🙂

    • Mi piacerebbe leggerla :O

  • Bell’articolo, secondo il mio myepisodes (che però non è aggiornato alle serie che vedevo da piccola), io sto a quota 8 mesi di vita sprecata davanti alla tv/pc a vedere serie tv, senza ricontare ovviamente i rewatch.
    “piccola chicca” (XD) per i sottotitoli basta nominare il file video e il file .srt con lo stesso nome: così sia vlc che bsplayer partono in automatico già con il sottotitolo 😉

    • Thnks per la “piccola chicca”, Kate 😀