La rivincita di chi? Paradossi e storia della cultura Nerd

Un altro post su un’altra categoria di persone che frequentano spesso la rete. Così dopo aver parlato dei bimbominkia e degli hipster, è venuto il momento di parlare di chi la rete non è che la usa, ma la vive. Sto parlando dei Nerd (e di riflesso anche dei Geek).
Parlare dei Nerd è abbastanza difficile, prima di tutto perché ci sono differenti tipi di nerd e poi perché mi considero parte integrante di questo gruppo. Durante la mia adolescenza, tra un episodio di bimbominkiaggine e un altro, ho sempre cercato di far parte di una “definizione”, ma nessuna era quella giusta: sono stata truzza, alternativa e poi fighetta, ma questi “gruppi” descrivevano solo come mi vestivo, non come mi sentivo.
[Sì, ad un certo punto della mia vita mi vestivo come una fighetta, anche se nessuno ci crede adesso, visto come vado in giro, da nerd per l’appunto, ma nell’armadio ho ancora una felpa della Liu-Jo con swarovski che può confermare questa affermazione. Ma queste sono altre storie. Torniamo ai nostri nerd e ai geek.]

Nerds: They're starting to breed

Un giorno sarete circondati!

Chiedimi chi erano i Nerd

In Italia il termine Nerd rimane oscuro alla maggior parte delle persone e la stessa cosa vale per la parola Geek. Il che è strano, perché la televisione e il cinema ci propongono queste figure da anni, descrivendole genericamente come “gli sfigati”. La figura del Nerd infatti è solitamente rappresentata da un ragazzino brufoloso appassionato di computer che indossa occhiali, apparecchio e bretelle. I nerd, nell’immaginario collettivo, sono persone socialmente inette, incapaci di comunire con il mondo esterno come persone normali e negate per lo sport.
A volte la parola Nerd viene anche confusa con il termine “secchione”. E’ vero che di solito i nerd sono i primi della classe, ma questa non è una regola fissa. Un nerd infatti è soprattutto concentrato sui suoi interessi, tanto da trascurare gli studi di scuola, perché percepiti come noiosi.

Otto sotto un tetto - Family matters

“Sono stato io a fare questo?”

Ora che abbiamo più o meno introdotto la figura del nerd, andiamo a parlarne nel dettaglio. Cosa fa un Nerd? Di chi stiamo parlando? Il Nerd è un essere umano e, come tale, può essere di entrambi i sessi. La parola Nerd poi può indicare vari gruppi di persone che hanno interessi diversi, ma uniti da caratteristiche comune.
Ecco cosa intendo.

    • Nerd sono gli appassionati di computer.
    • Nerd sono coloro che sono interessati a tipi di cultura non esattamente di massa o considerati da “bambini” (Es: Anime e Manga, fumetti, Videogames, giochi di ruolo e cosplay)
    • Nerd sono coloro che vanno oltre: i Nerd non guardano semplicemente un telefilm. I nerd li guardano in lingua originale, poi commentano sui blog e nei forum con la stessa intensità della prof di Italiano che spiega le figure allegoriche della Divina Commedia
    • I Nerd sono appassionati di Sci-fi. In qualsiasi forma. Esempi: Doctor Who, Star Trek, Star Wars, Il signore degli anelli, Harry Potter
    • Se chiedi ad un Nerd il significato della vita, lui/lei ti risponderà:”42″
    • Non è detto che tutti i Nerd siano igegneri, ma è vero che tutti gli ingegneri sono sostanzialmente nerd.
    • I Nerd sono quelli che sanno che c’è una differenza tra il termine “Geek” e il termine “Nerd” e discutono su quale sia (ci sono teorie discordanti in proposito, sappiatelo)
    • Il 90% dei Nerd ha frequentato il liceo scientifico.

Caratteristiche comuni a (quasi) tutti i nerd sono l’essere socialmente goffi, i nerd non hanno idea di come rapportarsi con le altre persone (tanto che era stato ipotizzato che i nerd potessero essere affetti dalla sindrome di Asperger) e hanno pochi amici con i quali condividono più o meno gli stessi interessi. Inoltre sono spesso vittime del disturbo ossessivo compulsivo su determinate cose (l’ordine dei fumetti, i libri sistemati a seconda della gradazione del colore della copertina, numeri fortunati da ripetere quando si fa qualcosa).
Per finire la descrizione dei Nerd, bisogna ricordare che il loro successo con l’altro sesso (o con lo stesso sesso in caso siano gay) è paragonabile al nulla cosmico.
A differenza di quello che cinema e televisione ci hanno mostrato nel corso degli anni, i nerd non si vestono male  e soprattutto non indossano più le bretelle. Di solito la divisa ufficiale del nerd è maglietta, jeans e scarpe da ginnastica, ma non spendono molti soldi in vestiti, perché hanno cose più importanti da comprare: il computer, l’ultimo videogioco uscito, fumetti in quantità industriale, gadget vari, cofanetti di dvd in versione limitata con 1000 ore di contenuti extra. Inoltre molti Nerd che conosco sono anche metallari e si vestono di conseguenza.
Altre caratteristiche del Nerd sono l’insonnia perenne che è combattuta con caffè, coca-cola e bibite energetiche. La dieta del Nerd per altro è un discreto casino, infatti nell’immaginario collettivo il Nerd è molto magro o molto grasso.

Per finire: c’è una differenza tra i nerd di sesso maschile e quelli di sesso femminile? Poca roba. Di solito le ragazze Nerd tengono leggermente di più a loro stesse (ovvero: sono disposte a spendere soldi in vestiti nuovi), di solito sono più creative e si appassionano ai fandom (non confondetele con le bimbominkia cresciute però). Ai ragazzi nerd in linea di massima invece piacciono soprattutto la parte tecnica: programmazione, matematica, scienza etc.
Un grosso problema della cultura Nerd rimane il sessismo da parte di entrambi i sessi. I ragazzi fanno fatica ad accettare donne che giocano ai videogames e che magari li battono. Non è una regola, ma di solito le ragazze nerd hanno la sindrome da “one of the guys” e disprezzano le ragazze non-nerd, giudicandole leggere e vuote (vedi anche: special snowflake syndrome). D’altra parte è curioso notare che molte ragazze nerd sono anche attive femministe.

Special Snowflake Syndrome

You are not special. You are not a beautiful or unique snowflake. You are the same decaying organic matter as everything else.” – Chuck Palahniuk, Fight Club

I Nerd sui Social Network

Ma dove si trovano i Nerd online? Un po’ ovunque. Internet è stata una vera e propria manna dal cielo per chi è Nerd. Prendete me come esempio. A quattordici anni ero l’unica tra i miei amici che era appassionata di manga e non sapevo con chi parlarne: è stato per questo che ho cominciato a frequentare i forum. Internet è un ottimo strumento per comunicare, specialmente per chi ha dei problemi a socializzare.

I Nerd sono stati coloro che hanno colonizzato il web. Prima del Web 2.0 c’era il web delle dotcom che si è rivelato un grosso fallimento. A sopravvivere furono le chat, i forum e le mail, strumenti di 2.0 prima del 2.0. E secondo voi chi è che usava i forum, le chat e le mail nel 1997?

I nerd quindi hanno colonizzato il web. Sono stati loro a crearlo e loro hanno cominciato a popolarlo. E di solito sono sempre un passo avanti agli altri. Erano i primi blogger, i primi iscritti a Facebook, i primi su Twitter… e gli unici su Google Plus (alcuni, i più hard-core, sono persino su Diaspora. O quanto meno sanno cos’è Diaspora).

D’altra parte chi è il nerd più famoso del mondo? Lo conosciamo tutti, il suo nome è Bill Gates. E possiamo parlare anche di Mark Zuckemberg che è esattamente lo stereotipo del nerd sfigatissimo. Non che i creatori di Google siano esattamente conosciuti come ragazzi fighi, ma in questo mondo possono sembrare super-modelli.

Storia e Cultura Nerd

Prima di passare alla vera storia del nerd, però è giusto scrivere una precisazione. Sopra ho scritto che c’è una distinzione tra Nerd e Geek e che i Nerd e i Geek discutono su quale sia. In questo articolo ho usato la parola Nerd anche per i Geek, perché in realtà tra le due definizioni non c’è una grossa differenza, in più c’è confusione sui due termini. Secondo alcune teorie il Geek è colui che non solo è appassionato di computer, scienza, matematica e tecnologia, ma è anche colui che inventa. Se usiamo questi termini quindi Bill Gates, che ha creato Microsoft, è un geek. Mentre l’uomo dei fumetti dei Simpson è un nerd. Un’altra teoria però confuta questo e afferma il contrario. Gli appassionati sono i Geek, mentre quelli che sono appassionati e creano sono i Nerd. In linea di massima comunque è più accettata la prima teoria, per questo ho deciso di usare la parola nerd, perché usando questa definizione: tutti i geek sono nerd, ma non tutti i nerd sono geek.

Nerd Geek Dork

Ecco, questa immagine confuta quello che ho appena scritto

Cominciamo col dire che storicamente il termine Nerd non ha valenza positiva, è un termine denigratorio, offensivo ed è iniziato a diventare un termine popolare durante gli anni 70 grazie ad Happy Days, nel telefilm infatti questo termine veniva usato spesso (e, da brava nerd, ricordo che Happy Days è anche il telefilm che ha inventato l’espressione “Salto dello squalo“). Comunque la vera origine del termine Nerd pare possa provenire dalla parola “Nert” che negli anni 50, in slag americano, significava “pazzo, stupido”.
Ma il termine Geek ha origine ancora più antiche: la prima volta infatti che viene usato questo termine è il 1916 ed era usato per indicare i fenomeni da baraccone del circo. La parola infatti viene dal tedesco “Geck” che significa “scherzo della natura”.

Richie Cunningham è stato uno dei primi e dei più famosi Nerd, ma non è stato l’unico. Nel 1962 è uscito il primo fumetto di Spider-Man e fu subito un grandissimo successo, ma dietro Spider-Man c’è Peter Parker e Peter Parker si può tranquillamente catalogare come nerd. Durante gli anni 80 John Hughes ci ha spesso proposto nei suoi film la figura del nerd (Anthony Michael Hall in Breakfast Club e Sixteen Candles, Alan Ruck in Ferris Bueller’s Day Off). E da allora è stato un tripudio di Nerd in TV e al Cinema.
La storia di Geek e Nerd, come si può notare, è piuttosto recente, comincia nel secondo dopo guerra, e ci sono differenti ragioni per questo.

  • La cultura Nerd fonda le sue radici nell’era informatica (e qua niente da dire)
  • La cultura Nerd è in stretto collegamento con il consumismo
  • Sebbene ci siano movimenti culturali che ricordano quello dei Nerd (vedi Bohème tra gli altri), la società intorno ai Nerd è cambiata.

Sono tutte cose collegate. Dopo la seconda guerra mondiale c’è stato il boom economico che ha portato dei grossi cambiamenti (già cominciati con la rivoluzione industriale e con le prime prese di coscienza dei lavoratori). Uno dei cambiamenti più importanti ha riguardato soprattutto la cultura che prima era di pochi e che poi è diventata per tutti.  Prima della guerra solo i ricchi e i nobili potevano accedere alla cultura e in quel tipo di civiltà la figura dello studioso è accettata ed esaltata, ma nel mondo della gente comune, inspiegabilmente, i nerd, che si possono considerare “studiosi”,  faticano per essere accettati per questo.
E’ un paradosso della nostra società: coloro che studiano e che hanno interessi considerati “diversi” sono disprezzati.

Il boom economico è anche ciò che ci ha portato al consumismo. Quello dei Nerd è diverso da quello delle persone normali. A volte i Nerd vengono considerati bambini cresciuti, perché amano cose che in teoria dovrebbero essere per ragazzini. Chi credete che stia giocando ai Pokemon sulla Nintendo DS? No, non sono i dodicenni bimbominkia, sono i 25enni come me che guardavano il cartone dei Pokemon durante Bim Bum Bam (io no, io ero Team Dragon Ball). Il fatto è che i Nerd sono i più appassionati di tutti e non basta guardare il film, leggere il fumetto, comprare il cofanetto dvd della serie televisiva preferita. Ci sono anche i gadget. E poi i dvd escono in edizione speciale. E i poster. Oh mio dio, sento il bisogno di comprarmi  un Tardis a grandezza naturale! Capite cosa intendo? Questo è un altro dei motivi per cui i Nerd sono un fenomeno estremamente recente. I nerd sono consumisti: date soldi ad un Nerd e vedete come vi fa girare l’economia. (Insomma: datemi soldi e ci penso io a rimettere in piedi l’Italia, altro che Monti qui e Monti lì).

Nessun movimento, che io ricordi, ha queste caratteristiche. Anche i bohemien, che erano marginalizzati dalla società dell’epoca, sono una cultura completamente diversa, soprattutto perché la civiltà Bohème rifiutava i soldi e i beni materiali. I Nerd sono nati con il boom economico e stanno scrivendo la storia moderna.

Nerd: vittime e bulli.

The Revenge of the Nerds

E poi c’era la marmotta che confezionava la cioccolata…

Nel 1984 è uscito al cinema “La rivincita dei nerd” e oggi ci sono milioni di persone che si definiscono Nerd con orgoglio (anche io tra questi). La verità è che persone come Bill Gates hanno fatto molto per i nerd e i geek, ma non abbastanza, perché i Nerd e i Geek sono costretti a frequentare le scuole medie e le scuole superiori che di solito sono sinonimi di bullismo (certe volte questo continua anche all’università).
Durante questa indagine, ho notato un’altra cosa: il mondo promuove la cultura Nerd. I personaggi nerd che appaiono sul piccolo e grande schermo di solito riescono a trovare il loro lieto fine, il messaggio degli adulti ai bambini  è quello che si deve studiare per diventare qualcuno e che bisogna impegnarsi… eppure poi la vita di tutti i giorni ci fa vedere altre cose. Sembra un casino cosmico? Lo è, ma non è finita.

Infatti non è del tutto vero che i Nerd sono vittime inermi di una società cattiva che non li apprezza abbastanza. Spesso infatti i nerd si trasformano in bulli cibernetici. Non è una regola fissa, ma vedo spesso questo tipo di comportamento su internet. Sono stati i Nerd che hanno inventato la parola Niubbo e che la usano spesso nei forum, sono i nerd che su internet sono forti perché sanno come funziona e sanno come restare anonimi, sono i nerd che, visto che hanno studiato e sanno cose, si credono migliori del resto del mondo. Su internet sono i Nerd ad essere forti e le carte si invertono e quelli che erano vittime diventano bulli.
E poi bisogna anche considerare il dilagante sessismo nel mondo dei Nerd, che è un problema comune sia per i nerd di sesso maschile che di sesso femminile, come dicevo.
Potrei scrivere molto sulla questione “Sessismo su Internet”, ma questo post è già troppo lungo, inoltre ho in mente di fare un post ad hoc su questo argomento, quindi passiamo ad altro. In ogni caso se siete in ricerca di letture, vi consiglio questo articolo (in inglese): lettera alla mia futura figlia.

Come ogni movimento anche la cultura Nerd ha lati positivi e negativi e bisogna sottolinearli entrambi. Si tratta dell’ennesimo paradosso in una questa cultura che si divide in tante subculture.

Se hai più di cinque amici Nerd, probabilmente sei un Nerd anche tu

I nerd di solito stanno tra di loro e sono un gruppo molto stretto. Chi è Nerd di solito considera le amicizie nate online importanti tanto quanto quelle offline. Sicuramente tra i vostri amici su Facebook ci sarà almeno una persona che è Nerd, ma… lasciamo perdere. Veniamo al dunque. Siete Nerd? Diciamo che io direi di sì, perché…

  • State leggendo questo blog
  • Avete letto tutta la entry e sono circa 3000 parole. O siete Nerd o non avete proprio un cazzo da fare.
  • State leggendo questa lista e state ridendo, perché sapete che vi ho beccato!

Scherzi a parte (ma neanche tanto), siccome i Nerd sono spesso tra di loro è probabile che se avete più di cinque amici Nerd siate Nerd anche voi, magari non lo sapete, magari cercavate di nasconderlo a voi stessi, ma è così. Accettatelo.

Un Nerd negli anni 80: potresti essere tu!

Acrossnowhere

About Elisa Acrossnowhere

Sono nata nel 1986 e sono connessa ad internet dal 1999. Lavoro con il Web ma non è una semplice occupazione, è una vera e propria vocazione. Mi definisco una Factotum del Web-Marketing, in particolare mi occupo di SEO e Community Management. Ero una nerd prima che fosse una cosa cool, porto gli occhiali perché sono miope e nel tempo libero mi piace leggere e scrivere.