I migliori telefilm in onda [2012]

E dopo le sitcom è venuto il momento di parlare di telefilm. Cominciamo subito a dire che dalla lista è sparito Skins. Per continuare le metafore scolastiche Skins si è diplomato e ci ha lasciato, non lo rimpiangiamo molto, perché l’ultima stagione è stata veramente orribile, ma nonostante questo rimane un telefilm di livello ed è per questo che finirà nella lista dei Telefilm storici. Ci sono alcune novità rispetto all’anno scorso, ma gran parte dei telefilm sono riusciti a confermarsi.

New Entry

Franklin & Bash

Franklin & Bash la serie televisiva con protagonista Mark-Paul Gosselaar

Franklin & Bash

Trama: Franklin e Bash non sono esattamente gli avvocati a cui ci siamo abituati, ma nonostante questo sono dei vincenti. Ho cominciato a vedere Franklin and Bash, perché nel ruolo di Peter Bash c’è Mark-Paul Gosselaar, anche conosciuto come Zack Morris e Grande Amore della Mia Vita. Ma poi questa serie mi è piaciuta. E’ molto divertente.
Consigliata a: chi non ama le regole, chi ama divertirsi e chi soffre della sindrome di Peter Pan (e a chi ama Zack Morris)
Voto: 2/5
Promo

Hart of Dixie

Rachel Bilson è la protagonista della serie televisiva Hart of Dixie

Hart of Dixie

Trama: La dottoressa Zoe Hart (Rachel Bilson) vive a New York e sembra che la sua vita vada a gonfie vele, ma poi viene mollata dal ragazzo e perde il tirocinio cardo-chirurgico che desiderava. A questo punto disperata accetta la proposta di lavoro di Harley Wilkes e si trasferisce a Bluebell, in Alabama, in un mondo completamente diverso da quello a cui era abituata.
Non pensavo mi potesse piacere, ma mi ha preso. E’ uno show semplice, senza pretese e che ci riporta un po’ indietro ai temi di Everwood e di Dawson’s creek.
Avvertenze: c’è una discreta quantità di ragazzi super-fighi in questa serie e non hanno nessun problema ad apparire in televisione senza maglietta
Consigliata a: agli amanti dei vecchi telefilm della WB
Voto: 3/5
Promo

Once Upon a Time

Once Upon a Time il telefilm

Once Upon a Time

Trama: C’era una volta… il mondo delle fiabe, finché la strega cattiva decise di strappare la felicità di tutti, trasferendo il mondo delle fiabe nel mondo reale. Solo una persona può spezzare la maledizione e il suo nome è Emma ed è la figlia di Biancaneve e del Principe Azzurro, però ignora la sua vera identità.
Once Upon a Time è partito molto bene, c’erano grosse aspettative su questo telefilm e si è mantenuto su un buon livello per tutta la prima stagione, anche se non si può definire uno dei miei telefilm preferiti (è un po’ troppo noioso a volte) merita di stare in lista. Vediamo se riuscirà a confermarsi.
Consigliata a: agli amanti delle favole
Voto: 1/5
Promo

Bocciati

Glee

Glee il telefilm

Glee

Trama: C’è un limite a tutto ed io già conoscevo i difetti di Glee,già l’anno scorso vi avevo avvertito, la trama non è coerente dicevo. Ma niente mi aveva preparato a quello che è stato: i personaggi sembravano schizzofrenici, non c’era nessuna continuity e Blaine è diventato il nuovo protagonista dello show e io lo odio, lo odio, lo odio.
Avvertenze Speciali: Ryan Murphy continua a fare storyline a caso, predendo idee dai forum e dalle fanfiction. Inoltre va fatta una menzione speciale al fandom Faberry, oro olimpico per il “reaching
L’Addio: Non ho ancora mollato questo telefilm. Vado avanti per inerzia, vado avanti pensando che ormai abbiano toccato il fondo e invece ogni volta mi dimostrano che non c’è limite al peggio

Promossi

Being Human

Being Human serie televisiva inglese

Being Human

Trama: La bellezza dei telefilm inglesi è come sanno reinventarsi. Dopo aver perso il cast originale, si potrebbe pensare che Being Human abbia già detto tutto. Invece no. Sebbene la quarta stagione sembri leggerlmente più lenta delle altre, questo telefilm si mantiene comunque su alti livelli. Pare che anche il remake americano meriti, ma preferisco non pronunciarmi.
Consigliata a: agli amanti di soprannaturale
Voto: 3/5 (confermato il voto dello scorso anno)

Castle

Castle la serie televisiva con Nathan Fillion e Stan Katic

Castle

Trama: Castle è un telefilm che si fa amare. Non si sa perché, ma è così. E’ un procedurale e come tutti i procedurali ha dei limiti, le puntate possono risultare ripetitive dopo un po’, eppure Castle non annoia, si guarda puntata dopo puntata senza nessun problema. In parte si deve al rapporto tra Richard Castle e Kate Beckett e in parte perché Castle è un telefilm che non si prende sul serio, che cerca anche di far ridere, ma che ti può far commuovere.
Comunque sia, questo telefilm si guarda benissimo e Andrew W. Marlowe, il creatore della serie, sembra sapere fare il suo lavoro.
Consigliata a: ai proceduralisti
Voto: 3/5 (-1 rispetto all’anno scorso, perché ero stata troppo larga al tempo)

Mad Men

Mad Men e Don Draper interpretato da Jon Hamm

Mad Men

Trama: Su Mad Men ho già parlato più e più volte. A questo telefilm ambientato tra i pubblicitari di Madison Avenue degli anni 60 ho dedicato già un post e a quello vi rimando. Non c’è molto da aggiungere, rimane un grande telefilm, nonostante la quinta stagione sia leggermente inferiore alla quarta
Consigliato a: pubblicitari e agli amanti dei ruggenti anni 60
Voto: 5/5

Misfits

Misfits serie televisiva inglese

Misfits

Trama: Come Being Human, anche Misfits è una serie inglese che ha perso gran parte del cast originario, solo che a differenza di Being Human ancora non sappiamo come verrà gestita la cosa. In ogni caso posso assicurarvi che le prime quattro stagioni meritano e questo show si conferma come una grande novità.
Consigliato a: ai disadattati, ai fuori-posto!
Voto: 3/5 (-1, perché la quarta stagione era inferiore alle altre)

Nikita

Nikita è un telefilm del 2011 in onda sul canale americano The Cw

Nikita

Trama: Nikita arriva alla sua terza stagione e lo fa alla grande. Questo telefilm è molto sottovalutato, forse perché va in onda sul canale “The Cw”, famoso per mandare solo roba trash per bimbominkia, ma la realtà dei fatti è che Nikita è una bella spy-story, costruita in maniera eccellente. Tra l’altro al momento è uno dei pochi show che ha per protagonista una donna di colore, la mitica Maggie Q.
Consigliato a: chi ama le spy-story
Voto: 3/5 (si conferma senza problemi)

Parenthood

Parenthood la serie televisiva con Lauren Graham e Peter Krause

Parenthood

Trama: Parenthood è uno dei migliori prodotti degli ultimi anni, un vero e proprio gioiellino. Non c’è altro da aggiungere. E’ realistico. E’ vita vera. E commuove. E fa ridere. E ci fa disperare. Un telefilm si può dire veramente riuscito, quando riesce a renderti empatico, quando ti fa pensare “ehi, è vero, è proprio così, anche io lo faccio”. Almeno per me è così. Non è un caso che dietro ci sia Jason Katims di Friday Night Lights.
Consigliato a: chi ama i telefilm “realistici”
Voto: 5/5 (+2 dall’anno scorso e se li merita tutti)

The Good Wife

The Good Wife è un telefilm in onda su Rai 2

The Good Wife

Trama: Parlare male di The Good Wife è difficile. Anche quando è al suo peggio, rimane comunque meglio della maggior parte degli show in circolazione. The Good Wife è un intrigo, è politica, è famiglia, è lavoro, è riscoprire sé stessi. Julianna Margulies fa un eccellente lavoro come Alicia Florrick e insieme a lei c’è un grandissimo cast, ma d’altra parte l’ho già detto lo scorso anno, quindi qual è la novità? Nessuna. Rimane un gran telefilm e poche storie
Consigliato a: agli intenditori
Voto: 5/5 (si conferma in pieno)

White Collar

White Collar è una serie televisiva americana

White Collar

Trama: Alla sua quarta stagione White Collar rimane sembra un bel telefilm. L’anno scorso descrivevo White Collar con le parole “divertente e frizzante”. Le caratteristiche principali sono sempre le stesse, ma quest’anno stanno cercando di aggiungere dello spessore alla storyline principale. E stanno facendo un ottimo lavoro
Consigliato a: chiunque ami il faccino (e il corpo) di Matt Bomer, a chi cerca qualcosa di leggero ma che può sorprendere
Voto: 4/5

Acrossnowhere

About Elisa Acrossnowhere

Sono nata nel 1986 e sono connessa ad internet dal 1999. Lavoro con il Web ma non è una semplice occupazione, è una vera e propria vocazione. Mi definisco una Factotum del Web-Marketing, in particolare mi occupo di SEO e Community Management. Ero una nerd prima che fosse una cosa cool, porto gli occhiali perché sono miope e nel tempo libero mi piace leggere e scrivere.

  • Pingback: I telefilm del 2011 – Come è andata a finire? | SinCity – AcrossNowhere()

  • Baba

    scusami, per capirci, per te anche nicole kidmann è di colore? :S

    • Acrossnowhere

      Sinceramente non capisco cosa c’entri la Kidman in questo O_o’
      Intendi perché ho scritto che Maggie Q. è una donna dicolore? Se è questo il caso, Maggie Q. è asiatica, quindi è di colore: l’espressione “persona di colore” non si limita ad indicare persone nere

  • daniele

    recensioni con cui non concordo assolutamente… ma quanti anni hai? 16?

    • Acrossnowhere

      Non ho mai detto di avere tutte le verità in tasca e non penso che tutti debbano essere d’accordo con me, ma il tuo commento è veramente irritante. Dici che non concordi assolutamente e non specifici su cosa in particolare. E poi mi chiedi quanti anni ho, trattandomi con indisponenza. Non ho 16 anni, ma anche se li avessi non cambierebbe niente, perché si tratta comunque di recensioni e si può essere d’accordo o no. Il dibattito costruttivo è sempre benvenuto, così come il confronto, ma il tuo commento è del tutto vuoto, non porta assolutamente da nessuna parte. E visto che tiri in ballo l’età, ti posso dire che non sembri per niente una persona adulta (qualsiasi cosa questo voglia dire).

  • AlbertoG

    Anche se oramai nel 2013 ho trovato questa lista di recensioni molto carina, mi ritrovo con quasi tutti i tuoi pareri anche se unica cosa che non mi è piaciuta è il voto 4 a white collar, che tendo a precisare è fantastico, ma a mio parere voto troppo alto per le ultime 2 stagioni un po sottotono con un neal troppo sbirro e poco ladro.
    Comunque complimenti.

    • Acrossnowhere

      Grazie per il commento, Alberto. Mi sa che hai ragione, sono stata di manica larga con White Collar, ma in fondo un voto in più per la faccia di Matt Bomer ci può stare :p
      Scherzi a parte anche io ho ultimamente con il personaggio di Neal, perché si fida sempre troppo poco di Peter, ma pare che gli scrittori stiano migliorando in questo… vedremo ^_^

  • Faf

    Ciao! ho trovato molto interessanti i tuoi articoli su sitcom e telefilm.
    Mi servirebbe un consiglio. Sto studiando l’inglese e vorrei sfruttare la passione per i telefilm in questo senso.

    Ho rivisto O.C. in inglese con sottotitoli in inglese e questo mi è stato di aiuto in quanto i dialoghi erano semplici e le situazioni che si venivano a creare erano molto simili alla realtà di un ragazzostudente. Purtroppo, è finito!

    Ora sto cercando un telefilm che possa sostituire O.C. sto provando con 90210 ma non mi ha preso per niente. Vorrei un telefilm dove i protagonisti sono ragazzi e i dialoghi sono “semplici”. non mi sento ancora pronto a passare ad un livello successivo. per intenderci, vedrei volentieri white collar (che adoro) in inglese ma molti termini non li capirei. grazie.

    • Acrossnowhere

      Ciao Faf!

      Migliorare l’inglese con i telefilm è un metodo che funziona, l’ho provata io stesso. Ho cominciato a guardare i telefilm con i sottotitoli in italiano, poi sono passata ai sottotitoli inglesi e adesso riesco quasi sempre a farne a meno.
      Allora vediamo…

      Se parliamo di telefilm anche di qualche anno fa,

      – Felicity non è male e ci sono un sacco di voice-over che secondo me aiutano molto.
      – One Tree Hill può fare al caso tuo, lo trovo più vicino a Dawson’s Creek che a OC, ma comunque i temi sono quelli alla fine
      – Young Americans: è lo spin-off di Dawson’s creek e dura solo nove episodi (lo trovi anche su Youtube).
      – My So-Called Life: è un classico! Ti sembrerà un po’ lento rispetto ad OC (è del 1994), ma è anche molto più realistico secondo me. E poi c’è una giovanissima Claire Danes

      Ti dovrei consigliare anche Gossip Girl (l’autore è lo stesso di The OC), ma sinceramente mi manca il coraggio, perché la prima stagione è bella, ma poi è andato sempre peggio.

      Tra quelli in onda al momento ti consiglierei Go On, non è un teen-drama, ma una sitcom e mi sembra abbastanza facile da seguire (a parte che Matthew Perry parla con le patate in bocca in tanto in tanto), Arrow è a tema super-eroi ma si segue molto bene, The Office è alla nona e ultima stagione, è una comedy ed è una gran bella serie, molto facile da seguire.
      E futurama! Se non hai mai visto Futurama in inglese te lo consiglio, perché oltre a capirsi benissimo, è anche tutta un’altra cosa 🙂

      Se invece preferisci qualcosa di più “british” ti consiglio Miranda (comedy), Being Human e The It Crowd (comedy). Se hai dei problemi all’inizio con “l’inglese degli inglesi” non preoccuparti, perché è assolutamente normale: anche io ho avuto un po’ di difficoltà quando ho iniziato, ma è solo questione di fare l’orecchio all’accento 🙂

      So che forse sono andata un po’ fuori tema, ma nel caso non ti piacciano, dimmelo che ho altre serie da poterti consigliare 🙂
      Tienimi aggiornata 🙂

      • Faf

        Ti ringrazio per le dritte!

        Innazitutto ti ringrazio perchè ho capito che il genere che mi interessava è quello “teen-drama”.

        Per quanto riguarda i tuoi consigli per ora vorrei evitare le sitcom in inglese perchè le sitcom le vedo per rilassarmi e vederle in inglese (per ora) non mi rilassa.
        – Felicity l’ho visto in passato e non mi è piaciuto molto
        – My so-called life è un pò vecchio per i miei gusti. magari mi sbaglio ma essendo del 1994 mi attrae poco.
        – gossip girl lo sto vedendo in ita e non mi va di rivederlo in inglese.
        quindi, penso di orientarmi su one three hill anche perchè ho notato che le stagioni sono 9 e quindi se mi appassiona avrò taaaanto tempo per imparare.
        alternative sul genere teendrama abbastanza recenti?

        grazie!

        • Acrossnowhere

          Purtroppo sugli ultimi non sono più ferrata (non ho più l’età), quindi ho chiesto consiglio ad alcuni amici (non mi prendo responsabilità 😛 ) ed ecco cosa ne è venuto fuori

          – Pretty Little Liars
          – Teen Wolf – è una serie a tema soprannaturale, l’ispirazione deriva dal film degli anni 80 con Michael J. Fox e un sacco di mie amiche ne vanno pazze.
          – My Mad Fat Diary – questa è una serie inglese, quindi per il momento ha solo sei episodi (e un rinnovo per una seconda stagione), ma sembra molto interessante, infatti lo voglio recuperare anche io
          – Emily Owens, MD – Non è proprio un teen-drama, perché i protagonisti stanno facendo l’internato ospedaliero, però secondo me è ben fatto e poi sono solo 13 episodi perché è stato cancellato, quindi… l’unico problema possono essere i termini medici

          – The Vampire Daries – Un’altra serie che va molto di moda, ma che a me non ispira molto.

          Invece tra le vecchie mi sono venute in mente Buffy (classico, da vedere! In più in inglese è moooolto meglio, perché è stato tradotto malissimo in italiano) e Roswell

          • Francesco

            Teen wolf è fantastico! Lo stesso Pretty Little Liars.
            Ve lo consiglio tantissimo.

  • Francesco

    Non sono per niente d’accordo con la bocciatura di Glee, forse perché sono un fan accanito della serie, e amo troppo il cast.
    Trovo quel telefilm fantastico specialmente perché ti fa conoscere nuove canzoni, belle o brutte che siano, che non avevi mai sentito.
    E la loro versione è anche meglio delle canzoni originali!!

  • Pingback: Il 2013 sui Social Media | AcrossNowhere()