Facebook è indispensabile. O forse no.

Life-Before-Facebook-Futurama-Meme

La vita prima di Facebook era sui forum!

Senza dubbio Facebook è il social media più utilizzato al mondo, ormai conta un miliardo di utenti, ed è sicuramente il più utilizzato in Italia. Quindi quando si parla di Social Media Marketing, Facebook è quasi sempre il punto di partenza. Si può dire che Facebook è indispensabile.
O forse no.
Ultimamente la mia opinione su Facebook è cambiata. E’ vero. Facebook ha un bacino di utenza immenso. Il che è buono, quando si parla di Social Media Marketing. Grande utenza significa avere un bacino di potenziali clienti da cui pescare. Grande utenza significa anche grandissima concorrenza. E questo fatto su Facebook rappresenta qualche problematica. Le vediamo insieme?

Facebook è così social da risultare anti-social

A differenza degli altri social Media, Facebook è un social network chiuso. Cosa significa questa affermazione? Pensate a twitter. Su Twitter ci si può parlare anche senza seguirsi, possiamo trovare nuovi followers senza problemi e ovviamente ci sono gli hashtag che ci aiutano. Facebook è fatto in un altro modo, Facebook è un mondo chiuso.
Cosa significa questo per il marketing?
Che, per quanti sforzi possiate fare, il successo di una pagina Facebook è al 90% fortuna, è riuscire a fare il colpaccio.
Su Facebook è il cliente che deve cercare voi. Il che significa che avere una pagina Facebook completa, aggiornata e curata è indispensabile, ma che non vi darà la sicurezza di successo.

La Facebook Search fa Schifo

C’è un altro fatto che rende Facebook pessimo per il social media marketing ed è la sua search, che fa effettivamente schifo.
O si conosce il nome preciso di ciò che si sta cercando o siete fottuti.
Potete andare avanti per giorni e giorni. Certo, adesso c’è la Graph Search, ma la Graph Search si basa più sulle nostre relazioni personali che sulle ricerche, i risultati ottenuti con le ricerche saranno infatti bypassati dai like dei nostri amici.

E sugli altri social come funziona? Sicuramente meglio.

  • Twitter – La ricerca è buona. C’è anche la ricerca avanzata che funziona molto bene. Certo, la ricerca avanzata è roba da Social Media Qualcosa, ma in linea generale procede tutto senza problemi.
  • Google+ e Youtube – Entrambi sono di Google, il primo motore di ricerca mondiale… Non c’è molto da dire.
  • Pinterest – Si trova tutto ciò che si cerca senza patemi.
  • Tumblr – Non è il massimo, ma può andare.


Superare questi problemi si può

Superare questi problemi si può… basta pagare.

Questo post è nato dopo una conversazione con Valentina Lepore sulla Community Google plus Social Media Marketing Italiano (sì, uso Google Plus, quando mi ricordo di avere un account).
La mia pagina FB non ha molti like, non è il mio principale canale di comunicazione, ma mi serve, perché posso usarla per sperimentare tattiche.
Due settimane fa ho deciso di sistemarla per bene e il risultato è stato che mi sono crollate le visualizzazioni dei post. Così, esposto il mio problema su G+, Valentina è intervenuta, dicendomi che anche lei ha avuto un problema con le visualizzazioni. Crediamo entrambe che Facebook stia cercando di spingere gli annunci a pagamento.
E io ci credo. E non sono un’amante delle teorie complottistiche.
Facebook sta diventando disperato (vedi la faccenda “Promoted post per gli amici“. Veramente? Siamo a questi livelli?) e non capisco il perché, visto che non mi sembra che ci sia il bisogno di ricorrere a certe tattiche.

Qualcuno ovvia a questo problema semplicemente aprendo un profilo invece che una pagina e chiedendo l’amicizia a chiunque. A questi vanno le mie più sincere maledizioni. Sappiate che io segnalo subito i profili mascherati da pagina.

Acrossnowhere

About Elisa Acrossnowhere

Sono nata nel 1986 e sono connessa ad internet dal 1999. Lavoro con il Web ma non è una semplice occupazione, è una vera e propria vocazione. Mi definisco una Factotum del Web-Marketing, in particolare mi occupo di SEO e Community Management.
Ero una nerd prima che fosse una cosa cool, porto gli occhiali perché sono miope e nel tempo libero mi piace leggere e scrivere.