Perché siamo tutti tifosi del Leicester

Lunedì sera la squadra di calcio della città di Leicester ha vinto lo scudetto per la prima volta nella sua storia e questo ha fatto impazzire i Social, in particolare Facebook. In questo momento siamo (quasi) tutti tifosi del Leicester e su questa cosa vorrei spendere due parole.

Quello che ha fatto il Leicester e Ranieri è stato definito con tante parole differente: impresa, favola, sogno, leggenda, mito. Un po’ di impresa dietro a questo scudetto effettivamente c’è e c’è anche un po’ di favola, ma non è solo questo, la storia di questo Leicester è una storia già raccontata: è la storia di Davide e Golia.
Amiamo le storie degli Underdog e quella del Leicester è l’apoteosi delle storie degli underdog: l’anno scorso la squadra era ad un passo dalla serie b, l’allenatore Ranieri era considerato un eterno secondo (fu anche sbeffeggiato da Mourinho), tutta la rosa del Leicester costa meno di molti giocatori del Manchester e i bookmaker davano la vittoria del titolo 1 a 5000.
Il Leicester che vince non è solo una squadra di calcio mediocre che con un po’ di fortuna riesce a portarsi a casa il campionato, ma è una storia di rivincita.

A questo punto voi potreste chiedermi qual è il senso di questo post. Non è un blog di web marketing questo?
Mi piacerebbe da impazzire analizzare i dati sui social intorno a questa vicenda, ma purtroppo so che gli strumenti a mia disposizione non sono congrui. Inoltre volevo parlare di una cosa diversa, volevo scrivere qualcosa più “sentimentale“: il Leicester altro non è che un perfetto esempio di storytelling ed è questo che volevo provare a far capire. A me del Leicester in quanto squadra di calcio inglese non mi interessa molto, ma il Leicester che vince il suo primo campionato contro ogni pronostico e contro il calcio delle grandi squadre… be’ quello mi mette i brividi. E’ la solita storia, la solita storia dell’underdog, di Davide e Golia e funziona ancora, funziona sempre. Quando parliamo di storytelling parliamo spesso di temi universali e questa storia delle volpi inglesi è un tema universale.

Sulla questione storytelling tornerò a breve: sto preparando un post sull’argomento per il blog di Dot Next.

Edit del 04/05 – E quindi il Leicester fa record di tweet. Sapevatelo

P.S. La cosa più bella di tutta questa storia è l’esonero di Mourihno a Dicembre dopo la sconfitta contro il Leicester City, la settima consecutiva.
Sono una brutta persona, lo so

Acrossnowhere

About Elisa Acrossnowhere

Sono nata nel 1986 e sono connessa ad internet dal 1999. Lavoro con il Web ma non è una semplice occupazione, è una vera e propria vocazione. Mi definisco una Factotum del Web-Marketing, in particolare mi occupo di SEO e Community Management. Ero una nerd prima che fosse una cosa cool, porto gli occhiali perché sono miope e nel tempo libero mi piace leggere e scrivere.