Colin Kaepernick, Nike e la pubblicità che prende posizione